Il Brigante

€ 11.00

Descrizione prodotto

Il Brigante

di Pompeo Onesti

Come si diventa brigante. All’epoca – siamo negli anni che vanno dal 1860 al 1870 – non esisteva la malavita organizzata, che è un prodotto della civiltà tecnologica e tecnocratica. Si diventava brigante perché si osava reagire ad un atto ingiusto, ad un sopruso, facendosi giustizia da sé. A questo punto per un povero diavolo non c’era scampo: sperare nella giustizia significava sognare.
Se non si voleva finire in galera per tutta la vita, l’alternativa era la montagna: il brigantaggio. Si moriva giovani, è vero. Almeno si viveva da uomini. Nessun brigante ha superato i trent’anni.
Antonino, oltre quest’aspetto tradizionale, presenta qualcosa di diverso. Egli non solo conserva l’amore per il suo popolo, ma aggiunge a questo l’amore per il Re e la patria, per il Regno di Napoli invaso dai piemontesi. La sue lotta è su due fronti: contro i prepotenti e contro gli invasori diventa capitano dell’esercito borbonico e come tale intende comportarsi fino alla fine: fino ad affrontare ed uccidere con un colpo in pieno viso il generale che aveva perseguitato e fucilato tutti i suoi uomini.

Numero di pagine: 194